Artista delle trasparenze: 100mt di felicità MICHELA BALDI

mostra formiche_n.jpg

 

100 mt di felicità michela baldi®
Mettete un piccolo universo di luce racchiuso in una scatola, un cuore appeso tra fili di poesie, un cortile dove il Rajasthan appare in tutta la sua magia, un caos che origina l’ordine e 100mt.di piccole formiche che trovano la felicità in un chicco di riso:   avete  a che fare con Michela Baldi, una poliedrica artista che indaga sul mondo invisibile.

Michela si esprime attraverso l’arte visiva; mai scontata mai banale, con eleganza e dolcezza nelle sue opere abbraccia il dualismo con un approccio filosofico/poetico e con domande insite che riconducono all’invisibile umano: “ciò che è trasparente viene colto? Ciò che appare è reale o ha costrutti differenti? “ .

I suoi luoghi, le sue performance, i suoi lavori, le sue ricerche non sono introspettive, ma escono-giocano-interagiscono coi sensi emotivi, tra percezioni reali e apparenti, tra innocenza e bellezza, in un lessico visivo e poetico che preferisce il sussurrato all’urlato e il suggerito allo spudorato. 

Le Costellazioni, Ho lasciato il mio cuore in Finlandia, C.A.O.S. (caotica arte ordinata scienza) sono alcuni dei suoi affascinanti lavori che richiamano alla mente “La vita è sogno” (C.de la Barca) o “Siamo fatti della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni” (W.Shakespeare) o “I sogni son desideri” (Cenerentola)  🙂

 “Costellazioni” e “Costellazioni portatili ” : frammenti di luce  in un nuovo caleidoscopio per generare illusioni e fantasie sussurrate; le frasi appaiono nella magia del lampo.- ph.Michela Baldi

“Ho lasciato il mio cuore in Finlandia” è una sospensione da attraversare facendosi accarezzare dai fili candidi come betulle e illusioni di cortecce dai testi letterari –  ph.Margrieta Jeltema

“C.A.O.S. caotica Arte Ordinata Scienza” ph.Michela Baldi-

Anche nei suoi suggestivi percorsi pittorici, con una tecnica personale che mescola strati di velina a carboncino, il dualismo illusorio tra trasparenze e spazi crea giochi prospettici di religiosa e magica raffinatezza. La stessa raffinatezza filosofica  che ha portato le sue opere ad essere volute ed esposte dal gallerista- non solo  Jean  Blanchaert, a suscitare le attenzioni e i riconoscimenti dello stimato critico e storico dell’arte prof. Luciano Caramel, a meritare la menzione speciale nel premio internazionale Bice Bugatti Segantini nel corso del 2015.

 La magnifica serie India dall’effetto pittorico tridimensionale  

Michela Baldi seleziona con cura le mostre a cui viene invitata, rimanendo coerente al suo modo di esprimersi sussurrato, non rinunciando all’impegno sociale: a giugno 2015 per invito del fotografo Marco SecchiGetty images- partecipa con il collettivo fotografico Awakening alla mostra denuncia organizzata  presso i Magazzini del Sale di Venezia facendo arrampicare  le sue invisibili formiche tra le gigantografie di obbrobri galleggianti (navi) che scempiano la laguna. Ad aprile 2016 con il gruppo MicaPaglia è alla Ex Fornace di Milano con la mostra dal titolo “Il marchio di Ulisse” dal ricavato devoluto ad Emergency . Ma non mancano Paratissima 11  Torino e conferenze sullo stato dell’Arte.

Nella sua ricerca del “doppio nascosto-che appare e scompare” non poteva mancare il rapporto con la pelle, protagonista assoluta del dualismo umano e di pensiero:

“Duemadonne-Duebarbie-MagicLamp-LaPelle-Crocifissione allegra”  per citare qualche titolo.

image-6 12804877_10208568546229186_3864346215109312901_n

 

image

Crocifissione allegra

Per questa sua arte così delicata, poetica e filosofica Michela Baldi con le sue formiche di “100mt di felicità” è stata chiamata a collaborare con una stella nascente della moda luxury. C’è del riserbo riguardo al nome ma è noto che il progetto è stato presentato in anteprima al Magna Pars Hotel durante la Design Week di Milano  .

Michela Baldi è un’artista visiva, elegante, eclettica, dalla comunicazione positiva, con la stessa classe di Mona Hatoum (in questi giorni al Tate Modern), tra le poche nella difficile arte dell’installazione… Mi piace tanto!

10477346_10204999094995136_5027720680403434690_n

Michela Baldi.

 

Annunci

La Sciùra, l’emblema e il mio motto: ” MILANO SA ! “

Patrimonio lavorativo distrutto; piccole società sparite; PMI rantolanti quando non agonizzanti; un sistema schiavo dei burocrati che impazza sempre di più; un sistema che genera “figli illegittimi burocrati” che inventano di sana pianta normative e procedure inesistenti che bloccano e ritardano con conseguenze disastrose; un sistema menefreghista fatto anche da chi, nella calda e sicura scrivania bancaria-statale non ha compreso che è suo preciso dovere contribuire a tenerlo oliato questo difficile sistema implosivo per sua stessa farraginosità: basterebbe lavorare con coscienza quotidiana in quella scrivania, nel rispetto dei tempi per rispetto della maggioranza che gli consente il fine mese senza essere colleghi.

Un sistema ingessato che crea attacchi di panico e d’ansia; che si permette di far sentire senza speranza i ventottenni e falliti i cinquantenni.

Un sistema che ha scollegato le sinapsi di molti, troppi, creando illusioni da Truman Show.

Quanti racconti di quotidiani di inferno?

La storia non insegna mai abbastanza e non c’è da stupirsi se tra le illusioni fioriscono chimere.

Ogni periodo meschino (e questo lo è) ha generato conseguenze culturali, pensatori liberi in campo artistico che nelle loro chimere hanno apportato cambiamenti.

L’arte come collegamento al reale più di quanto non si creda.

Peppino Impastato provò a dirlo -venne ucciso. Tra le altre cose era un poeta:

“Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà … È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore”.

Tuttavia esistono città con l’anima ribelle che raccolgono fermenti dove fioriscono le idee.

Esistono città che accolgono pluralità creative diverse tra loro nate al di fuori del sistema, alle quali hanno dato accoglienza.

Esistono città di generosità culturale messa a disposizione così, come margherite sparse su un prato (e stimolo per collegare le sinapsi).

Mi chiedo: di quale anima è composta una city. Quali sono le sue fondamenta, i mattoni con cui è stata impastata, l’acqua che le scorre intorno. Può essere che quest’anima determini la sua personalità?

La Signora –la Sciùra– è sveglia da tempo e crede nella cultura delle idee, nell’emozione della bellezza, dell’arte, delle idee.

La Signora –la Sciùra– fa quel che può cercando di rispettare il sistema ma non rinunciando alla sua anima libera ed al libero arbitrio.

La Signora –la Sciùra– è generosa con i suoi figli.

La Signora in cinque anni è diventata più bella grazie alle chimere culturali che ha visto sorgere in totale libertà muri di street-art, circoli poetici, quartieri della musica, ritrovi e adunanze artistiche, senza dimenticarsi di regalare Lei appuntamenti letterari fuori schema, come Book-city, o eventi musicali, come Piano-city, diventando la capitale della fucina delle idee e del cinema indipendente con MilanoFilmFestival, spargendo poesie in ogni luogo nel suo ultimo nato letterario/poetico FIPM.

E non solo il Bosco Verticale e Porta Nuova, ma anche il quartiere Isola, Lambrate e Ventura, il Base, Ciminiera Branca, la Darsena e i Navigli per chiunque ci voglia entrare dentro … (non parliamo di boomerangExpo per cortesia).

Perché alla Signora ribelle, attenta e generosa, piace vedere sorridere i suoi figli.

Scrissi a novembre Le contrapposizioni proibite e il Rinascimento Italico e la Signora ne è diventata la sua madrina (e chi se non Lei): in questi giorni patrocina il  Nuovo Rinascimento nella ex-Fornace in Alzaia Naviglio Pavese.

La Signora è sempre tre passi avanti… lasciatela correre. Non bloccatela voi nuovi candidati –ma vecchi nel sistema– in virtù…che so…di una campagna populista sulla sicurezza che dal mio punto di vista è solo un modo bieco per impedire le chimere rimandando a ciò che scrisse Peppino Impastato.

La Signora è Milano -un luogo dove senti ancora stridere i freni dal tipico odore ferroso dei vecchi tram e che la sera si trasformano in ristorantram –  e Milano conosce.

 

Milano la Sciùra è condensabile in un motto, uno slogan attuale e astemio lontano dal quel “Milano da bere” degli anni ’80,  forse il primo attribuito ad una city, che svegli le sinapsi.

E il mio motto è questo, rosso come la sua croce:

                                                             “ Milano Sa!”

logomilanobig

 Piccola gallery in slide rubata per le strade- anche se è lenta nel caricarsi merita:

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Word championship challenge UX ?

La statistica che riporto è ciò che appare qui nel blog jememien ad un giorno dalla pubblicazione del precedente articolo.

A parte essere divertita dal torneo Tu contro il resto del mondo nel “Word championship challenge” tendo a definire le chiavi di lettura alle cose:

  • l’interesse nasce per il modo più friendly nel raccontare
  • l’interesse nasce per il tipo di comunicazione basata sull’UX
  • l’interesse nasce perché, porca miseria, noi in Italia le cose le sappiamo dire-fare-inventare a dispetto dei guru
  • l’interesse nasce dall’interesse del connubio Arte-tecnologia-vita
  • l’interesse nasce dall’interesse per il nostro Paese geniale.

I paesi coinvolti nel my personal challenge trophy:

“Brasile”,60  -“Germania”,14- “Stati Uniti”,11- “Francia”,6
“Portogallo”,5 – “Filippine”,3 -“Russia”,3 -“Paesi Bassi”,2
“India”,2 -“Cile”,2-“Mozambico”,2 -“Polonia”,1- “Sudafrica”,1
“Svizzera”,1 -“Malaysia”,1 -“Australia”,1 -“RAS di Hong Kong”,1-“Cuba”,1- “Portorico”,1 -“Senegal”,1 -“Iraq”,1 -“Venezuela”,1
“Ucraina”,1 -“Colombia”,1 -“Unione Europea”,1 -“Spagna”,1
“Canada”,1 -“Angola”,1

“Ne resterà soltanto uno” …  speriamo di no, per la nostra nazionale .

 

tra Cloud e Arte c’è MyTemplArt

Milano è un’amante generosa che chiede di essere usata senza nulla volere in cambio. A volte è un po’ scontrosa –come tutte le belle donne piene di vita–  devi solo aspettare che le passi.

Nella Milano da usare si è conclusa il 2 maggio  MIA PHOTO FAIR 2016 (fiera internazionale d’arte dedicata alla fotografia) nella appropriata cornice di piazza BoBardi, un angolo nascosto con vista mozzafiato di Porta Nuova.

   IMG_0279.JPG

Le fiere di prestigio uniscono approfondimenti e presentazioni di alto valore; la perla presentata in conferenza nel giorno di apertura (grazie ph.Luigi Gattinara per l’invito) è molto interessante. Si tratta di una piattaforma in Cloud  MyTemplArt ®  che permette di certificare le opere d’arte con sistema QR-Code e gestibile in toto dall’artista o gallerista. Un sistema di geolocalizzazione consente di rilevarne il luogo e seguire l’opera –scacco ai ladri e agli smemorati-. La comodità della piattaforma in Cloud è costituita inoltre nella catalogazione sempre  aggiornata, recensioni comprese, a portata di click. Il tutto su android o smartphone ios. 

Gattinara MyTArt.jpg

L’esponenzialità della piattaforma MyTemplArt * comprende il fruibile del mondo artistico e culturale essendo indirizzata anche a musei, associazioni, istituzioni con sezioni separate. Il prossimo passaggio riguarderà i vinili musicali.

Il fotografo Luigi Gattinara e lo scultore  Alex Pinna  sono testimonial della usabilità del sistema.

UnknownVi è però un altro aspetto fondamentale dal mio punto di vista e che è una logica conseguenza dell’applicazione: il sistema in Cloud essendo gestito direttamente dall’autore certifica in automatico la proprietà intellettuale divenendo sovranazionale, by-passando cioè gli obsoleti e costosi SIAE o Copyright© :  il mondo si muove cari signori siae 🙂 !                       

Magritte    Unknown-2
 serie le nuvole R. Magritte

     * simpatico riferimento ai Template

La vita si fa beffa della Morte - I.Vassallo

Se, arrivando Golia, …

 

Il sorriso è segreto al lato della mia bocca.

Seduta ad un tavolino all’aperto di un bar, “La passeggiata” e il nome è tutto un programma, voglio godermi gli ultimi istanti di un cielo ancora vergine – da domani arriverà Golia con neve ed acqua.

Come al solito sono impegnata nel cercare di far capire perché l’Arte contemporanea italiana trova la sua genialità cattedratica nell’espressionismo di pochi Maestri con le palle.

L’espressionismo non è una brutta malattia, bisogna saper dipingere e bisogna sapervi aggiungere un caleidoscopio di emozioni che sovrasti il soggetto dipinto. Un Maestro con le palle è  Ivo Vassallo.  Un Maestro è colui che porta la rottura dello stile con elementi pittorici solo a Lui riconducibili, da lui stravolti e innovati. Si aggiunga la capacità del colore, il riuscire a far “dialogare” l’opera, il tratto, il segno, la lezione pittorica, la sperimentazione, la padronanza della tecnica.

Ivo Vassallo è il MaestroPittore tra i più grandi italiani.

La vita si fa beffa della Morte - I.Vassallo

La Vita si fa beffa della Morte -Ivo Vassallo-

E mi scontro con la realtà fatta da galleristi a cui spetterebbe il compito di proporre al posto di trattare il mercato dell’Arte da gross-market del lusso (non oso pensare ai fake), pappagalli che rincorrono le solite cose (zero innovazioni e zero rivoluzioni dal “Movimento zero”) con la scusa che manca la richiesta del figurativo. Embè signori, dovrebbe essere compito vostro divulgare, osare, istruire il mercato.

Eppure attira molto di più una mostra fatta da un bel viso o bel nudo che da un bel ensemble di ghirigori e tagli.

Ivo Vassallo - nudini erotici-

Serie I nudini erotici -Ivo Vassallo-

Con Ivo Vassallo condivido stima, amicizia e un libro fatto a 4 mani a tiratura limitata: a lui la parte erotico pittorica a me il testo poetico.

PaintPoyesis "pelle&dintorni"

pelle&dintorni – PaintPoyesis di IvoVassalloStefaniaMeda

E mentre attendo Golia portatore di calamità naturali sorrido con piacere leggendo del Gigante “Ivo Vassallo l’Iconoclasta”  , come lo chiamo io, mio portatore di calamità colorate, attraverso questo bellissimo articolo …

( purtroppo non riesco a condividerlo in toto, ma espandete e vedrete !)

https://tempopresenteepassato.wordpress.com/2016/02/24/ivo-vassallo-tra-sacro-e-profano-unartista-giramondo-giuseppe-recchia/

24 febbraio 2016
IVO VASSALLO, TRA SACRO E PROFANO, UN’ARTISTA GIRAMONDO Giuseppe Recchia

Ivo Vassallo, ha insegnato tecniche pittoriche presso l’Accademia di belle Arti di Genova dove è nato e vive. La sua iniziale ricerca coloristica è informale con solido impianto figurativo, col tempo si evolve in un più raffinato cromatismo e una più intensa propensione per il paesaggio e la figura. Con Massimiliano Panero ha presentato a Torino al Museo d’Arte Orientale il Catalogo Generale della mostra dell’EXPO di Milano 2015 “Le Qualità della Cina”, mostra promossa dall’associazione culturale Qualitaly – partner ufficiale del China Corporate United Pavilion –dove ha partecipato all’Evento milanese 2015, con tutte le opere, presto in tour nella Repubblica Popolare Cinese. Organizzazione perfetta curata da Nikolinka Nikolova, anch’essa artista e dallo stesso Massimiliano Panero.

Ma approfondiamo la conoscenza dell’artista figurativo/informale Ivo Vassallo. Pittore con una grande propensione all’Arte Sacra con i suoi dipinti sull’Ultima cena e sulla storia di Cristo da lui rivisitata, dove l’impianto coloristico adottato da Ivo fanno pensare al film The passion di Mel Gibson. Ricorderete che il film di Gibson provocò un enorme scandalo per la violenza delle immagini ma qui l’artista ligure usa colori sfumati e leggeri con macchie insolite illuminanti l’aspetto carnale dei personaggi dipinti ed usa la sua conoscenza storica per dargli la vita o la morte che essi meritano. E dipinge cavalli che sembrano nuvole tra le nuvole e raccontano storie per mettere in chiaro la loro umanità. Pittore che a suo tempo affrescò le pareti dello studio di Fabrizio De Andrè, dal quale apprese i toni musicali che poi ha trasfuso nelle sue opere.

Ivo Vassallo potrebbe entrare a far parte ai nostri giorni del novero dei maestri il cui linguaggio pittorico e la cui maestria risale a Michelangelo e a Caravaggio.

 

Le contrapposizioni proibite e il Rinascimento Italico

Se vuoi ottenere l’opposto agisci per il suo contrario (come è sempre successo).

Palazzo della Mezzanotte (Borsa)  Design week Milano

Palazzo Mezzanotte (Borsa) Design week Milano

Strano? Affatto! Se vuoi consumi maggiori rendili proibiti:  che fascino. Non si resiste al fascino del proibito, del negato, del sottratto; l’affermazione parte da una riflessione cercando nel mio archivio fotografico le foto della Biennale di Venezia volendo fare un articolo riassuntivo.

Rewind:

Più di un anno fa circolò il classico “meme” sull’abolizione dell’insegnamento della Storia dell’Arte con le conseguenti risposte virali dal web.

Come tutte le balleuntantoalchilo  le cose stavano in maniera leggermente diversa ma tanto è bastato per muovere le attenzioni di un Paese geneticamente artistico che si è comportato di conseguenza (oltre i soliti aficionados) fosse anche solo per:

-la voglia di partecipare per “vedere dal vivo” cose dimenticate o alle quali mai si è dato peso

-la considerazione che, dopotutto, l’Arte può essere un piacevole passatempo colorato

-che se venisse meno sarebbe come vivere in una fanta-città-grigia alla Orwell

-che non chiede nulla se non di essere “guardata”.

Aula Magna Accademia di Brera

   Accademia di Brera

Il cresciuto interesse ha pertanto creato domande muovendo happening ed iniziative ed altro ancora: non si trattava di un semplice Piero della Francesca dunque.

Sia che si tratti per semplice svago, storia, fantasia -“la fantasia al potere”- o della scoperta di come l’Arte tutta influisca nelle nostre piccole scelte quotidiane di gradimento da consumatori, si è generata l’onda.

Cosa è successo, ci si è inorgogliti all’improvviso?

La Milano di Gabriele Basilico

 La Milano di Gabriele Basilico- presentazione  a Bookcity Milano

Saturazione iper/super/what’s ammericanboy? Influenza dei Paesi attivi -Europa e ZioSam- nella proposta artistica? Finiti i soldi per viaggiare? Effetto proibizionismo? (Presto per considerare gli ultimi tragici fatti).

Non so dire se vi siano più motivazioni che giochino un ruolo per il nuovo Illuminismo e Rinascimento Italico, ma è indubbio che si stia insegnando al di fuori delle scuole e si siano sviluppate commistioni inaspettate -non succede con la matematica, mai visto un asfalto o un muro di un edificio con formule, radici quadre, tangenti e 4zx alla potenza e comunque sarebbe Arte, né tantomeno indossare un 9K.

Hangar Bicocca

HangarBicocca

Quest’anno si è consumata l’Arte su grande scala ed è tornata perfino in tv con intelligenti intrusioni di fini pensatori, divulgatori, spiegatori (mi piace la rima) Sgarbi e Daverio in testa. Eventi- mostre- Biennali- luoghi e caffè- moda- accessori- iniziative editoriali- cambiando così il colore del nostro quotidiano.

La Voliera poetica di Antonio Marras

La Voliera poetica di Antonio Marras Design week Milano

Gli effetti contrapposti del proibito…

Ps: L’articolo riassuntivo con le più belle opere, a mio avviso, della Biennale di Venezia lo debbo ancora fare.

 

WHO ARE D’ASY ?

Tre donne.D'ASY logo

Assieme sembrano Testimonial rappresentative di tre fasce d’età per una campagna pubblicitaria e l’acronimo dei loro nomi ha dato origine al brand D’ASY Milano:

il new Art-Luxury concept per borse completamente Made in Italy.

Descrivere D’ASY Milano è descrivere la filosofia che si cela dietro a delle scelte: un prodotto rappresentativo dell’eccellenza italiana, top di gamma, a tiratura limitata, che sposa e racchiude il concetto sensoriale dell’arte.

DONNE GE NIA LI !

 IMG_6652Il Maestro Fausto Minestrini

Difficile liquidare il tutto con un semplicistico “ sono Borse ”

FullSizeRender

Raffinate, innovative, con dettagli che rendono unico ogni pezzo, le borse D’ASY sono pezzi di fantasia e design che non si fermano alla superba qualità del pellame esterno, ma proseguono al suo interno foderandosi di sete antiche scovate nei più antichi laboratori Lariani o con disegni realizzati in esclusiva da importanti Artisti e per i  differenti accostamenti cromatici sono numerate con tanto di Certificato.

Nessuna paura, gli interni sono trattati per garantirne la durata nel tempo.

imageDettagliA nove mesi dall’ideazione hanno macinato tanto lavoro, tutto svolto da loro. Bozzetti, modelli, scelta delle pelli, colori, sete antiche, packaging di lusso, laboratorio di due griffe d’eccellenza per la produzione (che ha accolto con entusiasmo l’innovazione dicendo “finalmente qualcosa di nuovo!“).

FullSizeRenderIl primo modello icona ” LEI “ girava ad inizio primavera nel centro di Milano per un check  – posso dire: “Milano io c’ero”  – con un famoso fotografo di street pronto a cogliere occhiate e reazioni.

Le griffe prestigiose nascono così in fondo, no?

Quindi D‘ASY Milano, il nuovo Luxury-Art brand dell’eccellenza Made in Italy sarà sulla spalla di… beati loro!

E l’Arte è il trait d’union: si troveranno proposte anche al fianco degli Artisti loro Testimonial e nelle gallerie d’arte.

        Il mood? :                Chic et très chic

IMG_9507

Edgar Allan Poe, Filosofia della composizione.

Quando il fine è la Bellezza. Interessante leggere l’analisi di Edgar Allan Poe sulla nobile Arte della Poesia partendo dalla struttura de “Il Corvo”.

18.492 visite …

” 18.492 visite in una settimana non sono niente male

non sono niente male! La maggior parte olt  ”

Sorpresa ! Che dire… GRAZIE !

EXPORSI

Premessa:

Ci sono luoghi che non ti aspetteresti di trovare, che appartengono al tuo ricordo se la tua vita si snoda per quelle strade, oppure sono la testimonianza storica della lungimiranza dell’uomo se ne sei a conoscenza per studi.

notturno494_7705179836254372531_n

Nel mare del nuovo edificato da architetti blasonati all’insegna  dello stupire per ExpoMilano2015, silenziosamente si è imposta all’attenzione un gioiello dell’archeologia industriale dei primi del ‘900 che si eleva sulle rive del fiume in località Trezzo d’Adda: la Centrale idroelettrica Taccani.

Immaginate saloni immensi con dettagli di architettura Liberty, dedali di sotterranei a volta, camminate nel cuore della centrale tra antiche turbine di ghisa come sculture ed ampi prati che si affacciano sul fiume ( le Vie d’Acqua sono uno dei temi di ExpoMilano2015 ).

11127667_508464342640187_664672150170730214_n  11138488_508452902641331_6995452071620282226_n

Ora immaginate in tutto questo la follia di 600 artisti sia italiani che stranieri con l’esplosione di 1.500 opere di diversa cromia – citare tutti i nomi è un’impresa, meglio scoprirli di persona –.

In questo luogo antico, in questi giorni, sta avvenendo una simbiosi del contemporaneo.

interno

11049605_508463972640224_6851906513273579786_n Fase d’allestimento

L’antica Centrale dell’Enel è stata scelta in modo geniale e lungimirante per la ExpoMilano International Contemporary Art da Giorgio Grasso, curatore e critico.

Bosmat722060848390760807_n

Geniale per molti motivi: località- valenza storica- capacità contenitiva interna ed esterna- accoglienza affluenza pubblica- tematica Expo- simbolismo artistico- colpo d’occhio.

Lavoro silenzioso il suo, con chiamata attraverso i social raccolto anche dalla curatrice internazionale Bosmat Niron, responsabile dei 30 artisti stranieri.

Il miglior evento di Arte Contemporanea con numeri da capogiro e che nessuno si aspettava: all’inaugurazione di sabato 2 maggio hanno partecipato 1.500 persone ( dato ufficiale delle Forze dell’Ordine ) ed il giorno successivo i visitatori sono stati oltre 500.

.est653_10200469134008818_2655234302823036775_n  10421253_10200469133448804_6475497621274707685_n

Le Forze dell’Ordine hanno inserito l’esposizione tra i luoghi più sensibili da presidiare.

Ma questi sono solo numeri iniziali, le somme si tireranno alla fine. Nel frattempo la curiosità si sta diffondendo e nel week-end, complice il luogo bucolico, saranno in molti a visitare la mostra.

Difficilmente si ricorda una chiamata generale di tale livello per l’arte contemporanea. Indubbiamente l’iniziativa entrerà nella letteratura e farà scuola:  645px-Expo_2015_Logo.svg_RSI.


invito

Centrale Taccani -Trezzo d’Adda -Ingresso gratuito –

orari giovedì e venerdì 16/19 -sabato e domenica 10/19